Il mito della caverna (Platone)

Repubblica – In seguito, continuai, paragona la nostra natura, per ciò che riguarda educazione e mancanza di educazione, a un’immagine come questa. Dentro una dimora sotterranea a forma di caverna, con l’entrata aperta alla luce e ampia quanto tutta la larghezza della caverna, pensa di vedere degli uomini che vi stiano dentro fin da fanciulli,... Continue Reading →

Limitazione dell’exoterismo (Frithjof Schuon)

La visuale exoterica, che propriamente parlando esiste – almeno in ciò che ha d’esclusivo di fronte alle verità superiori – soltanto nelle tradizioni monoteistiche, non è altro in fondo che quella dell’interesse individuale più elevato, ossia esteso all’intero ciclo di esistenza dell’individuo e non circoscritto semplicemente alla vita terrena. La verità exoterica o religiosa è... Continue Reading →

Tu e io (Rumi)

Felice il momento quando sediamo, io e te, nel palazzo,due figure, due forme ma un'anima sola, tu e io.L'acqua di vita darà immortale gioia al Verziere e al canto degli[uccelli,quando insieme incederemo nel giardino, tu e io!Le stelle del firmamento scenderanno a guardarcie la nostra splendida Luna mostreremo a loro, tu e io!Tu e io... Continue Reading →

Conoscenza e azione (René Guénon)

Noi adesso considereremo in via particolare uno dei principali aspetti dell’opposizione oggi esistente fra lo spirito orientale e lo spirito occidentale: opposizio­ne che, come è stato spiegato, nel suo aspetto più generale, è quella fra spirito tradizionale e spirito an­titradizionale. Da un certo punto di vista, che è poi uno dei più essenziali, siffatta opposizione... Continue Reading →

«Riunire ciò che è sparso» (René Guénon)

In una nostra opera abbiamo citato, a proposito del Ming-tang e della Tien-ti-Huei, una formula massonica secondo la quale il compito dei Maestri consiste nel «diffondere la luce e riunire ciò che è sparso». Di fatto, l’accostamento che facevamo allora riguardava soltanto la prima parte della formula; in quanto alla seconda, che può sembrare più enigmatica, siccome essa ha... Continue Reading →

La Morte (Kahil Gibran)

Allora Almitra disse: Vorremmo adesso chiederti di parlarci della Morte. Ed egli rispose: Voi vorreste conoscere il segreto della morte. Ma come potrete scoprirlo se non lo cercate nel cuore della vita? Il gufo che ha gli occhi limitati alla notte e ciechi di giorno non può svelare il mistero della luce. Se volete davvero... Continue Reading →

L’occhio che vede tutto (René Guénon)

Uno dei simboli comuni al cristianesimo e alla massoneria è il triangolo nel quale è inscritto il Tetragramma ebraico, o qualche volta semplicemente uno IOD, prima lettera del Tetragramma che in questo caso può esserne considerato un’abbreviazione, e che d'altronde, in virtù del suo significato principiale, è esso stesso un nome divino, anzi, il primo... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑